MENU SPITAL OBERENGADIN

Trattamento Sonata

Un nuovo metodo per il trattamento dei fibromi uterini.

La dottoressa Ladina Christoffel, primaria di ginecologia, e il suo team hanno aggiunto un nuovo trattamento per i miomi uterini alla loro gamma di servizi dal 2017. Il trattamento Sonata è un nuovo metodo di chirurgia mininvasiva. L'ospedale dell'Alta Engadina è il primo ospedale in Svizzera ad utilizzare questo nuovo metodo di trattamento, che non richiede incisioni cutanee.

I miomi sono nodi muscolari benigni sull'utero o nell'utero. Tali fibromi uterini si presentano frequentemente, in circa il 70% delle donne dopo i 40 anni. Tuttavia, questi nodi muscolari causano disagio solo nel 20% dei casi. I possibili sintomi includono forti emorragie, dolori mestruali o crampi in risposta al mioma come corpo estraneo. In alcuni casi, i fibromi uterini possono ridurre significativamente la fertilità. Se questi miomi che causano disturbi non vengono curati, i sintomi possono peggiorare nel tempo.

 

Ecco come funziona il trattamento Sonata:

La sonda sonata, del diametro di pochi millimetri, viene inserita nell'utero con un approccio intravaginale. Grazie agli ultrasuoni integrati nella sonda, essa può essere posizionata direttamente accanto al mioma sotto controllo visivo. La sonda viene utilizzata per trasferire calore al mioma. Questo trattamento richiede solo pochi minuti per ogni mioma. Il mioma si riduce nelle settimane successive, portando ad un sollievo dei sintomi. Dopo tre mesi, l'esperienza ha dimostrato che i disturbi emorragici si sono ridotti del 90%. Con il metodo Sonata è possibile trattare più miomi nella stessa seduta.

Il trattamento Sonata è un'alternativa semplice e indolore ai metodi tradizionali del trattamento del mioma che può essere eseguito in pochi minuti. La parete uterina non viene danneggiata. Dopo il trattamento, i pazienti possono tornare rapidamente al loro ambiente privato e professionale. Questo trattamento è approvato anche se si desidera avere figli.





 

Ulteriori informazioni sui miomi e il loro trattamento

Informazioni generali sui miomi

I miomi sono tumori benigni che partono dalla muscolatura liscia della parete uterina (utero). Il 70% di tutte le donne dopo i 40 sono soggette a fibromi, ma solo il 20% circa di questi fibromi causano sintomi. L'80% dei miomi si verifica tra i 30 e i 50 anni.

I miomi sono per lo più strutture nodulari circoscritte, raramente diffuse, che possono pesare da pochi grammi a diversi chilogrammi.

Noi differenziamo i miomi in base alla loro localizzazione

  • sulla parete esterna dell'utero (=subsierosi)
  • nella parete uterina (=intramurale/transmurale
  • sotto la mucosa (=submucoso)
  • nei legamenti laterali dell'utero (=intraligamentare)
  • vicino alla cervice (=cervicale)

e le loro dimensioni. Le dimensioni e la posizione dei fibromi possono essere valutate al meglio mediante un'ecografia transvaginale. L'utero con uno o più miomi è chiamato utero miomatoso, indipendentemente dalle dimensioni/posizione/sintomi dei miomi.
L'adenomiosi e l'adenomioma sono forme speciali di miomi. L'adenomiosi è un ispessimento della parete uterina (=miometrio) con tessuto ghiandolare.

Oltre ad una predisposizione genetica, uno squilibrio ormonale (alto livello di estrogeni) sembra essere la causa dei miomi. Ad esempio, l'incidenza dei miomi nelle donne afro-americane è di molte volte superiore a quella delle donne caucasiche. I miomi hanno un'alta densità di recettori di estrogeni e di progesterone. Così, la stimolazione estrogenica favorisce la crescita (ad esempio durante la gravidanza), mentre gli inibitori dell'ovulazione a base progestinica la riducono.
Dopo l'inizio della menopausa, si osserva spesso una diminuzione delle dimensioni dei fibromi, di solito associata ad una calcificazione degli stessi.
La degenerazione maligna dei fibromi si verifica molto raramente (molto meno dell'1% dei fibromi), e se lo fa, si verifica principalmente prima della menopausa.

 

 

Sintomi

I miomi possono essere asintomatici o causare disagio a seconda della loro dimensione e localizzazione. A causa della tendenza alla crescita, un mioma inizialmente asintomatico può improvvisamente causare molti sintomi come:

  • Sanguinamenti (frequenti, voluminosi e prolungati). Questi si riscontrano nel 50% delle pazienti affette da miomi solitamente con carenza di ferro.

  • Dolore: il 30% delle pazienti affette da mioma soffre di dolore sotto forma di stiramento locale o dolore da pressione causato dalla massa del mioma, mestruazioni dolorose (= dismenorrea) o dolori simili a crampi dovuti a contrazioni uterine, in risposta al mioma come corpo estraneo. Anche dolori addominali acuti possono verificarsi durante una rotazione dei fibromi subsierosi.

  • Le conseguenze della compressione sulle strutture adiacenti (come vescica, uretra, intestino o vasi sanguigni) sono rare, ma possibili; ad esempio, frequente minzione (pollachiuria), congestione renale, costipazione (=stitichezza), disturbi del flusso venoso degli arti inferiori con possibile formazione di trombi.

  • Infertilità: i fibromi submucosi possono ridurre significativamente la fertilità, con la loro accurata rimozione si aumenta nuovamente la fertilità.

Varie terapie del mioma

La terapia è indicata solo per i sintomi, cioè in circa ¼ dei pazienti affetti da miomi.

1. In caso di sintomi leggeri, si procede con un controllo ecografico per verificare la grandezza dei miomi.

2. Inoltre, se le mestruazioni sono solo dolorose (= dismenorrea), si può iniziare una terapia farmacologica con antidolorifici, eventualmente combinata con la sostituzione del ferro.

3. I gestageni (o ormoni del corpo luteo ad azione progestinica) agiscono a causa del relativo  aumento di estrogeni, come l'iniezione ormonale (DMPA- medrossiprogesterone acetato depot), la pillola progestinica, l'impianto gestageno(progestinico) per il braccio (Implanon) o la spirale gestagena.

4. Esmya (= ulipristal acetato) è un cosiddetto modulatore del recettore del progesterone. Blocca l'effetto del progesterone e nel giro di poche settimane il sanguinamento dovrebbe diminuire. Poiché l'assunzione di Esmya può aumentare la funzione epatica e portare a danni del fegato, dovrebbe essere usata, se non del tutto, solo come terapia temporanea fino a quando non è stata trovata una soluzione definitiva. Anche il controllo dei valori epatici è importante.

5. La terapia ormonale induce artificialmente la menopausa con gli analoghi del GnRH. Riducono la massa del mioma del 40% circa. Attualmente, gli analoghi del GnRH sono indicati solo per la preparazione alla chirurgia (per ridurre la tendenza al sanguinamento durante l'intervento). Come terapia a lungo termine, portano a notevoli effetti collaterali come i sintomi della menopausa. Inoltre, le recidive dopo un'interruzione della terapia sono comuni.

6. Rimozione dei miomi peduncolati submucosi durante l'endoscopia uterina (= isteroscopia).

7. Enucleazione dei miomi, per cui la parete uterina viene tagliata e il fibroma viene rimosso; questo può essere fatto in laparoscopia o laparotomia. A seconda della posizione e delle dimensioni dei fibromi, queste operazioni possono essere tecnicamente difficili e possono portare ad una maggiore perdita di sangue rispetto ad una rimozione totale dell'utero (= isterectomia).

8. Embolizzazione dei miomi; embolizzazione dei vasi nutritizi eseguita da un radiologo.

9. Gli ultrasuoni focalizzati sono utilizzati per termodegradare il mioma; l'intero trattamento è guidato dalla risonanza magnetica e dura 4-5 ore. (MRgFUS o MR HIFU).

10. NOVITA' in Svizzera dal 2017 Ablazione di miomi in radiofrequenza ecoguidata transcervicalmente (sistema SONATA®). Mediante una sonda ad ultrasuoni a forma di bacchetta di pochi millimetri, combinata con un terminale di ablazione a radiofrequenza, la sonda può essere posizionata nella cavità uterina attraverso la vagina accanto al mioma. Su uno schermo ad ultrasuoni, il mioma o più miomi possono quindi essere trattati specificamente mediante l'applicazione di calore; questo richiede solo pochi minuti per ogni mioma. La massa del mioma si riduce nelle settimane successive e 3 mesi dopo i disturbi emorragici si riducono del 90%. Questo metodo semplice e indolore che può essere eseguito in pochi minuti senza danneggiare la parete uterina (=isterotomia) è molto convincente.

11. Infine, la rimozione dell'utero (=isterectomia) attraverso la vagina, la laparoscopia o l'incisione addominale (= laparotomia).

Le nostre cifre ed esperienze dopo 1,5 anni di Sonata

Fino a marzo 2019 abbiamo trattato 32 pazienti e oltre 50 miomi. Il tasso di riduzione di volume più elevato si osserva nei primi 3 mesi, in media intorno al 64,9% in volume. Questo significa che i miomi si riducono di un terzo delle loro dimensioni originali. Dopo un anno il nostro tasso è del 77,3%, ma questo valore si basa su meno di 10 pazienti. Questi valori sono anche leggermente superiori a quelli dello studio europeo FAST-EU (articolo in appendice alla homepage).

Ma ciò che è più importante del tasso di restringimento sono i benefici sulle nostre pazienti; 9 pazienti su 10 giudicano questo trattamento come ottimo per quanto riguarda la riduzione del sanguinamento e i dolori mestruali.

Queste ottime cifre ci spingono a continuare e da quest'anno le nostre cifre saranno incluse anche nello studio prospettico multicentrico europeo SAGE.

Come organizzare con noi un trattamento Sonata?

Spese

Finora il trattamento Sonata è stato pagato dalle assicurazioni sanitarie di tutte le pazienti. Vi preghiamo di osservare i contratti speciali con la vostra cassa malati per quanto riguarda la franchigia. Naturalmente, prima del trattamento, richiederemo alla vostra cassa malati una conferma dell'assunzione dei costi.

Dimensione

L'area di ablazione Sonata misura max. 4,5 x 5,5 cm. Tuttavia, abbiamo già trattato i miomi fino a 13 cm, semplicemente trattiamo più aree del suo mioma. Pertanto, non è la dimensione, ma piuttosto la posizione che determina se il trattamento può essere eseguito o meno.

Posizione

I miomi che sono vicini ai vasi (di solito vicino alla cervice uterina) non possono essere trattati per motivi di sicurezza. I miomi, che si trovano dietro un altro, non vengono raggiunti. Tuttavia, è possibile ridurre il mioma anteriore in una prima seduta e, se necessario, quello posteriore qualche mese dopo.

Prima del trattamento Sonata; primo contatto con noi

Se siete interessati al trattamento Sonata, il modo migliore per inviarci i vostri dati di contatto e le eventuali immagini ad ultrasuoni è via e-mail a gynaekologie@spital.net. Saremo lieti di organizzare una prima conversazione con voi, questa può essere anche una conversazione via telefono se venite da lontano. Prima del trattamento vorremmo misurare i miomi, introdurre personalmente l'operazione e allo stesso tempo presentare il nostro team di anestesia.

Durante il trattamento

Il trattamento dura 5 - 50 minuti, a seconda delle dimensioni e del numero di miomi. Eseguiamo il trattamento in anestesia parziale o generale, poiché la dilatazione della cervice è dolorosa. Per questo motivo le sarà applicata un'infusione; un catetere vescicale non è però necessario. Per questo trattamento sarà ospedalizzata 2 notti nel nostro ospedale.

Dopo il trattamento Sonata

Potrete alzarvi immediatamente e dopo qualche ora rimuoveremo l'infusione. Siete autorizzati a svolgere immediatamente tutte le attività sportive, professionali e i rapporti sessuali. Nella maggior parte dei casi non servono antidolorifici; solo 2 delle nostre 32 pazienti hanno dovuto assumere antidolorifici. Ciò significa che non sarete assenti per più di qualche giorno dal vostro lavoro quotidiano. 4 settimane dopo il trattamento vi contatteremo telefonicamente e 3 mesi dopo il trattamento effettueremo una visita ginecologica.